pubblicato in data 05 Apr 2019

Commercianti, dipendenti e residenti tutti contrari alla Ztl nel Tridentino, che dovrebbe entrare in vigore il prossimo 2 maggio. A dirlo e’ un sondaggio realizzato dalla Fiepet Confesercenti che ha chiesto a 8.560 persone di dire la loro sulla nuova misura voluta dalla Giunta Raggi. Il campione, formato da 5.337 esercenti (55%), 2.180 dipendenti (27%) e 1.043 residenti (18%), ha risposto in modo netto: il 92,7% e’ contrario alla Ztl A1 che tra l’altro limita l’ingresso anche a motorini e scooter, mentre l’89% e’ contrario anche a un altro quesito posto dall’Associazione di categoria che riguarda il rincaro dei parcheggi a pagamento in centro storico a 3 euro l’ora.

“Abbiamo voluto fare questo referendum per capire al meglio le problematiche dei commercianti e dei pubblici esercizi. Abbiamo raccolto le loro preoccupazioni, gli esercenti sono spaventati da quello che potra’ succedere”, ha detto oggi il presidente di Fiepet Confesercenti, Claudio Pica, che per conto della categoria ha chiesto un intervento dell’amministrazione capitolina e della Giunta Raggi.

“Altrimenti se questa misura entrera’ in vigore cosi’ com’e’, i commercianti saranno costretti a licenziare. Siamo in allarme”. La richiesta pero’ non riguarda soltanto la Ztl e il prolungamento dell’orario di limitazione, ma si allarga al resto dei problemi della citta’ che “ha bisogno di essere rilanciata e tolta dal degrado in cui versa di cui ormai parlano tutti i giornali del mondo, con un danno incalcolabile per l’immagine della citta’”, ha aggiunto Pica.

Per adesso, la convocazione della categoria dalla sindaca “ancora non e’ arrivata. Ci danno il contentino dell’abbassamento dell’Irpef, ma preferiamo pagarlo tutto e non avere questo decadimento, perche’ una citta’ senza investimenti e’ una citta’ che muore”.

In continuo confronto “perdente” con le altre capitali europee, gli esercenti romani chiedono di potenziare il trasporto pubblico prima di intervenire sulla Ztl, regole chiare e condivise per permettere lo scarico merci e l’allungamento del servizio della metropolitana per permettere a dipendenti e titolari delle attivita’ commerciali di spostarsi con i mezzi pubblici. E poi la sospensione del pagamento delle strisce blu nei giorni di sciopero degli autobus e la creazione di zone dedicate al parcheggio di moto, scooter e macchine servite da linee bus e collegate alle varie aree del centro.

“Registriamo una grande preoccupazione degli imprenditori del Tridente e di tutto il centro storico. Pensiamo che il Comune debba cambiare tipo di azione sul centro storico di Roma, che e’ uno dei piu’ importanti d’Europa”, ha aggiunto il presidente di Confesercenti Roma e Lazio, Valter Giammaria, per il quale “cosi’ l’amministrazione uccide o mette in difficolta’ le imprese, invece di valorizzarle come dovrebbe”. Giammaria ha ricordato “le stazioni della metro chiuse” e anche i “soli 600mila euro della tassa di soggiorno che lo scorso anno sono stati dedicati al turismo. Quest’anno forse saranno due milioni, ma quella tassa deve servire a investire sul settore”.

Da qui al 2 maggio, data in cui dovrebbe entrare in vigore la Ztl, gia’ prorogata rispetto alla data del primo aprile, “se la sindaca non ci ascoltera’ passeremo alle vie piu’ forti, perche’ non e’ possibile che le imprese romane muoiano nella indifferenza di chi ci amministra e anche dell’opposizione”.

L’idea e’ di scendere in piazza e di tentare una serrata, anche se “tra gli esercenti c’e’ rassegnazione mista a reattivita’. Sanno che questa e’ l’ultima spiaggia e se non avremo risposte sensibilizzeremo tutte le associazioni e le confederazioni. Questa misura- ha concluso Giammaria- ci fara’ subire delle perdite economiche del 15-20%, con la conseguenza che i commercianti dovranno licenziare i loro lavoratori. L’amministrazione vuole perdere i posti di lavoro? Poi pero’ paghera’ le conseguenze politiche quando ci saranno le elezioni”.

(Roma Daily News)

TGR LAZIO

RETESOLE TG LAZIO