pubblicato in data 12 Nov 2018

A Officine del Sapore arriva SAPORE DI ROMA NEL PIATTO, un progetto promosso da AEPER e Fiepet Confesercenti Roma per valorizzare quei ristoranti che diffondono la cultura enogastronomica a Roma e nel Lazio con passione, impegno e professionalità.
Tra le finalità c’è quella di informare i consumatori sulla qualità dei prodotti tipici della cucina romana, valorizzare i prodotti locali e i luoghi, formare cuochi e chef affinché non dimentichino mai la tradizione di un piatto tipico della cucina romana.

Lunedì 19 novembre alle ore 11.30 nell’Area Show del Palazzo dei Congressi interverranno:
Claudio Pica, Presidente Fiepet Confesercenti Roma e AEPER
Valentina Mercanti, Assessore Comune di Lucca con delega attività produttive, sviluppo economico e alle politiche europee
Esmeralda Giampaoli, docente in ambito enogastronomico – Presidente del circuito “Città nel Piatto – Presidente Comitato-Tecnico Scientifico “Sapore di Roma nel Piatto”.

Un Comitato Tecnico-Scientifico valuterà i piatti proposti e i menu, i prodotti, il personale, il locale e la professionalità e le competenze. Il ristoratore aderente dovrà garantire nel proprio menu una proposta di almeno SEI piatti (uno dei quali può essere portato in concorso all’evento Officine del Sapore) e un vino in abbinamento per ciascuno dei piatti proposti che sia espressione della cucina locale e che riproponga o rinnovi le ricette della tradizione attraverso l’utilizzo dei prodotti tipici, tradizionali, locali.

«Il cibo fa parte della cultura di un luogo – affermano gli organizzatori del progetto – e sempre più persone che si spostano per motivi turistici apprezzano non solo la storia e l’arte, ma anche la buona tavola legata a quel determinato luogo».
Sapore di Roma nel Piatto, pensa anche alla bellezza artistica del territorio. La città di Roma si impegna quindi a valorizzare la cultura enogastronomica attraverso la proposta di piatti e di menù che siano espressione della cucina tipica e dei prodotti propri della storia gastronomica locale.