pubblicato in data 10 Apr 2021

LeiKie’ con la sua satira al femminile, racconta in tutte le lingue la globalizzazione e la diversità come unicità. Si tratta di un’artista poliglotta, o questo è il nuovo metodo per giungere a tutti senza escludere nessuno? Un innovativo “porta a porta” melodico e internazionale? LeiKie’ bussa con la sua musica e canta in tante lingue alle porte che si aprono oltre frontiera. Un nuovo “porta a porta” che porta sorrisi con contenuto!

LeiKiè rimane misteriosa, appare infatti solo attraverso i suoi travestimenti e i video musicali animati e live action da lei diretti. Il nome dell’artista LeiKiè fa assonanza con “Lei chi è?”. E’ dunque un invito a cercarla tra le diverse identità rappresentate dai suoi personaggi?

Ascolta l’Intervista a LeiKiè (da Io Parlo alla Radio)

Con “Fantasia nella Fattoria”, “It’s My Little Farm” e “Mi Granja ed Fantasia”, LeiKiè ci stupisce nuovamente e lo fa mettendoci la faccia, o meglio, mettendoci come sempre la faccia dei suoi personaggi!

Al quesito che sorge nominando “LeiKié” (Lei chi è?) risponde la sua “interpretazione”.

L’artista interpreta infatti i propri pensieri folli scrivendo i testi delle canzoni sotto il proprio pseudonimo EiKiél. Interpreta i propri testi con la sua voce vellutata e le sue vocine buffe. Delle parole e musica crea dei videocli. Interpreta i loro personaggi live action e animati. Canta le proprie canzoni e le interpreta in tante lingue diverse.

Queste canzoni buffe e ironiche con i loro video animati ricchi di colori, diventano anche un mezzo perfetto per far imparare facilmente ai più piccoli delle nuove lingue, divertendosi.

Il video animato in 2D di “Fantasia nella Fattoria” diretto da LeiKié, è adatto alle anime bambine di tutte le età e di tutto il mondo, è un’esplosione di colore e divertimento e accompagna il contenuto ironico e irriverente dell’artista.

LeiKiè in “Fantasia nella Fattoria” si diverte a cantare delle storielle attraverso una melodia e un linguaggio che è proprio dei bambini. Con spensieratezza e fantasia, la cantautrice racconta le vicende amorose degli animali della fattoria nella quale vivono anche una nonnina sprint e il suo nipotino baby-birba. La capretta be-be-be si innamora della gallina co-co-co e, così, nascono una capretta con il becco e una gallina con quattro zampe. Ma ci sono anche cavalli che belano, pesci che nuotano dicendo “miao”, un brutto anatroccolo che con un osso in bocca vola, una zanzara galante che si innamora di una ragnetta bionda e sensuale, mentre la nonnina rock suona la chitarra elettrica insieme al gatto e al suo amico cane che suona i bonghi. Fantasticando nella fattoria, LeiKiè chiude la canzone scherzosamente ricordando un semplice dato di fatto di attualità urbana: una vacca super sexy si fidanza con un maiale super trendy. Sorridendo, LeiKiè commenta che questa è la normalità.

Grazie al divertimento leggero e a un sottotesto profondo, “Fantasia nella Fattoria” affronta il tema contemporaneo dell’inclusione, dell’unicità nella diversità. In un mondo dove tutto è omologato e stereotipato, questa canzone nelle sue diverse versioni è un invito a “rompere gli schemi”, proprio perché la non omogeneità è creatività e, proprio da questa, nasce il nuovo e il bello.

Una canzoncina apparentemente per bambini, ma che diverte anche gli adulti e può far riflettere. Le storielle cantate in “Fantasia nella Fattoria”, “It’s My Little Farm” e “My Granja es Fantasia”, ci ricordano in tutte le lingue che ognuno ha il diritto di essere libero di scegliere quello che lo rende felice in un rapporto armonico con gli altri, e, così, con spontanea spensieratezza, tutti gli animaletti del cartoon si amano senza limiti.

“Fantasia nella Fattoria” è ispirata alla multiculturalità che stiamo vivendo nel mondo e che, da sempre, crea scenari nuovi, artistici, culturali e musicali proprio grazie alla fusione di esperienze e di diverse identità. La globalizzazione ha abbattuto le distanze, ma ha anche standardizzato ed etichettato ciò che prima era lontano. In questo modo si è dato adito a comportamenti consumistici di massa. Per contro, Leikiè propone di sfruttare la globalizzazione come contenitore per scoprire, conoscere e valorizzare le varie identità al fine di creare la propria “Fantasia nella Fattoria”.

Con questa canzone, profonda e comica allo stesso tempo, Leikiè riconferma il suo tocco stilistico. L’artista contemporanea è al suo secondo singolo. Anche nei suoi nuovi brani che usciranno a breve con il suo primo album, si denota la gioia, la sfrontatezza e, con sottile autoironia, anche una critica sociale e una ricerca intellettuale. Con le sue metafore ricorrenti, le emozioni, il suo stile a tratti demenziale e non-sense, l’estrosa e camaleontica LeiKié regala al pubblico sia sorrisi che nuove chiavi di lettura.

IL VIDEO