pubblicato in data 11 Gen 2023

La cantattrice veneziana Rossella Seno presenta il suo nuovo lavoro musicale “La Figlia di Dio” in uscita venerdì 13 gennaio, un concept album ad alto profilo culturale e sociale, insito nello stile e nell’attività dell’ artista, da sempre attiva riguardo importanti tematiche sociali ed ambientali. Un’opera discografica laica ed allo stesso tempo religiosa, contenente 12 brani, che puntano il dito sulle ingiustizie e le sopraffazioni, lasciando cadere tabù e inibizioni. Ogni canzone porta con sé l’opportunità di una lettura che va oltre l’apparenza, che viene “silenziata” offrendo così all’ascoltatore la possibilità di una ricerca più profonda, libera dagli inganni, senza giudizio alcuno, per cercare di capire “l’altra realtà”. Un album concepito in toto dalla stessa artista, sia per la scelta dei brani che degli autori, con la preziosa collaborazione di Massimo Germini, anch’egli autore, arrangiatore e produttore dell’album.

Rossella Seno racconta le tante storie che le stanno a cuore, realizzando un album fuori dagli schemi, come quelli imposti dal mainstream e dalle logiche del mercato, soprattutto nella scrittura dei testi che riportano allo stile del periodo d’oro delle canzoni d’autore (e di denuncia) in stile De Andrè, artista tra l’altro citato ed inserito nel progetto con un suo brano. Prodotto dalla casa discografica “Azzurra Music” in collaborazione con l’Associazione Culturale “Disobedience”, l’album vede come ospiti speciali Allan Taylor Alessio Boni, attore scelto non a caso, per il suo impegno in prima persona in diverse cause sociali ed umanitarie.

L’opera ha il Patrocinio della Comunità San Benedetto al Porto (Ge) fondata dal presbitero,educatore e attivista Don Andrea Gallo che citava spesso: “Il potere e i poteri sono contro Dio, perché temono coloro che pensano. Sono sempre stato attratto dal desiderio di riscatto della condizione umana emarginata. E’ il fulcro del Cristianesimo. Non c’è fanatismo e non c’è rassegnazione. E’ messaggio evangelico, è Buona Novella”.

La tracklist dell’album è composta da: Nessuno è stato portato in cielo – voce Alessio Boni (Michele Caccamo) – Requiem (Marco Aime – Massimo Germini) – Candide (Pino Pavone – Massimo Germini) – Cantami (Sing me) feat Allan Taylor (Allan Taylor- trad.Federico Sirianni) – Zohra (Matteo Passante – Massimo Germini) – La colomba (The dove) (Allan Taylor- trad.Federico Sirianni) – Don Gallo e i suoi millesimi (Michele Caccamo – Massimo Germini) – Prima che il gallo canti (Pino Pavone – Massimo Germini) – Sono solo un suono (Michele Caccamo – Massimo Germini) – Un tempo immondo – feat Massimo Germini (Michele Caccamo – Massimo Germini) – Si chiamava Gesù (Fabrizio De Andrè- Fabrizio De André/Gian Piero Reverberi) – La figlia di Dio (Federico Sirianni). Tra questi titoli approfondiamo in breve il significato dei seguenti brani:

Candide – Brano tratto dal libro di Marilù Oliva, Biancaneve nel 900”, una tragedia vecchia di decenni cominciata nel Sonderbau, il bordello del campo di concentramento di Buchenwald.

Zohra – Aveva otto anni, non giocava con le bambole, né andava a scuola ma faceva la domestica presso una coppia di Rawalpindi (Pakistan). Fu torturata e uccisa per aver (accidentalmente?) liberato due pappagallini dalla gabbia.

Solo solo un suono – Il diritto alla morte, eutanasia o suicidio assistito. Dedicata a DJ Fabo, tetraplegico dopo un incidente, che scelse di morire con il suicidio assistito in una clinica Svizzera.

La carriera artistica di Rossella Seno si caratterizza per la scelta ben precisa di essere una “cantattrice”, che propone temi sociali molto forti; il suo debutto avviene al Piccolo Ambra Jovinelli con “La rossa di Venezia”, di Giò Alajmo, spettacolo di teatro-canzone, one woman show, con la regia di Claudio Insegno. Il suo percorso la vede protagonista con altri artisti nel settore musicale e, per due anni consecutivi, partecipa all’ “Animal Live Aid” di Roma, primo concerto in favore dei diritti degli animali. E’ protagonista attiva del “Calendario Solidale 2017” ed è testimonial della Onlus “Ti amo da morire”, contro il femminicidio. Per quattro anni è stata in scena con lo spettacolo di teatro-canzone “Cara Milly – parole d’amore e di guerra già cantate da Carla Mignone”, un viaggio lungo un secolo nel quale si affrontano tematiche purtroppo attuali, quale l’odio che genera le guerre, l’abbandono, il maschilismo. Nel 2017 è in scena con “Puri come una bestemmia” – spettacolo di canzone – teatro, con Lino e Yuki Rufo ed ancora in “L’Amore Nero”, sempre con Lino Rufo dove si affronta ancora una volta il tema del femminicidio. Nell’aprile 2020, in pieno lockdown, esce “Pura come una bestemmia“, un’opera musicale di impegno sociale, destinata a scuotere anime e coscienze, scritta a più mani da autori di grande spessore e accolta straordinariamente dalla critica. In perenne movimento tra teatro e musica, la Seno debutta nel 2021 al Teatro Arciliuto di Roma con lo spettacolo “Io sono eterna”, dove la consueta formula della canzone/teatro sociale – civile diventa ormai il suo stile ampiamente riconosciuto.