pubblicato in data 10 Giu 2021

“Dante e la tartaruga” di Vincenzo Spinelli è un romanzo surreale, provocatorio e sarcastico, a tratti delirante, in cui si racconta con un linguaggio esplicito la storia di uno spietato riscatto. È una vicenda controversa in cui a volte si deve sospendere il giudizio, perché il protagonista, Dante, non è certamente un’anima candida, tutt’altro: nichilista, cinico e manipolatore, o lo si ama o lo si odia, non possono esistere mezze misure. Dante è un aspirante scrittore, ed è frustrato da un mondo editoriale che probabilmente non comprende il suo genio; insieme alla sua fidanzata Elena cerca di sopravvivere nella periferia bolognese, tra affitti pagati in ritardo, dipendenze varie e bizzarri dialoghi intrattenuti con scrittori e filosofi morti da tempo, fonti di ispirazione di argute citazioni.

Ascolta Vincenzo Spinelli

Alternando prima e terza persona, l’autore ci conduce in una storia tragicomica in cui una coppia di innamorati si immerge totalmente nei due impulsi che dominano l’essere umano: Eros e Thanatos; un inabissamento nell’erotismo più sfacciato, in un nevrotico egotismo e, in ultimo, nella colpa più nera. Dante ed Elena decidono infatti di commettere un omicidio per liberarsi da una vita di affanni: uccidendo l’anziana signora Scalpini e modificando il suo testamento potranno finalmente avere un’esistenza serena, trasferirsi a Parigi e magari rilevare la libreria Shakespeare and Company.

Vincenzo Spinelli mette in scena un teatro dell’assurdo in cui i veri protagonisti sono gli eroi letterari di Dante: scrittori come Fedor Dostoevskij, Louis-Ferdinand Céline, Mark Twain, Luigi Pirandello, Edgar Allan Poe e Franz Kafka, ma anche figure storiche come il filosofo Socrate e il condottiero Spartaco, accolgono le sue riflessioni e diventano i motivatori delle sue azioni; nelle conversazioni brillanti e divertenti con questi fantasmi si guarda nell’abisso dell’anima di Dante e si comprende la ragione profonda del suo agire folle e sconsiderato.

L’autore presenta una storia che può suscitare sentimenti di avversione se ci si ferma alla superficie ma che poi, scavando a fondo, porta a riflettere sul complicato mondo moderno, in cui la precarietà e l’insoddisfazione generano mostri che alla fine sono più spaventati che spaventosi, ma non per questo meno pericolosi.

(Intervista a cura di Francesco Vitale)

Casa Editrice: Il Seme Bianco

Collana: Magnolia

Genere: Narrativa contemporanea

Pagine: 127

Prezzo: 12,90 €