pubblicato in data 07 Mag 2022

L’Assemblea Generale dell’Associazione Nazionale magistrati proclama lo sciopero in vista dell’approvazione della riforma del Consiglio superiore della magistratura. La giunta esecutiva stabilirà la data dell’astensione che potrebbe coincidere proprio con il giorno in cui il testo della Riforma sarà votato al Senato. Al centro della delibera dei magistrati, i temi della separazione delle funzioni, del disciplinare e delle valutazioni professionali. Critiche le reazioni dell’Avvocatura espresse nei comunicati di OCF e ANF e dal Presidente delle Camere Penali.

Ascolta il commento dell’Avv. Gianni Dell’Aiuto